Da Piffetti a Ladatte

16 febbraio – 3 giugno 2018

A cura di Giulio Ometto e Luca Mana

La Fondazione Accorsi-Ometto, dopo una serie di esposizioni dedicate alla pittura italiana, torna a proporre una mostra sulle arti decorative, questa volta incentrata sulle acquisizioni fatte, a partire dal 2008, per incrementare la collezione permanente del museo. Infatti, oltre a salvaguardare l’arte del XVIII e XIX secolo, il Museo Accorsi-Ometto ha il compito di ampliare le proprie raccolte, mantenendo inalterato il gusto e lo spirito collezionistico del fondatore, Pietro Accorsi. Una missione che ha permesso non solo l’acquisto di importanti oggetti di arte decorativa, ma anche il recupero di capolavori senza tempo, finiti all’estero e riportati a Torino, come il cofano-forte di Pietro Piffetti e le tre sculture di Francesco Ladatte, esposti insieme in questa occasione.

In mostra si potranno ammirare, quindi, nel loro insieme, le acquisizioni dell’ultimo decennio: pregiati mobili di ebanisti piemontesi; gruppi scultorei in biscuit o terracotta, raffiguranti scene galanti e allegoriche; preziosi oggetti montati, in bronzo cesellato e porcellane di Vincennes, di Meissen o della dinastia Qing; eleganti orologi; raffinati argentiminiature e dipinti realizzati da artisti, come Giovanni Panealbo o Louis-Michel van Loo, che lavoravano per la corte sabauda. Tutti oggetti che rappresentano un omaggio incondizionato alle arti decorative.

Appuntamenti correlati

Gallery

Altre mostre

Giovanni Migliara. Viaggio in Italia

Un omaggio a un altro importante pittore piemontese dell’Ottocento: Giovanni Migliara.
La mostra intende evidenziare uno dei temi centrali della ricerca dell’artista, quello del viaggio, intrapreso lungo città e luoghi del territorio italiano e restituito attraverso la raffigurazione emblematica di monumenti e di paesaggi identificati nella loro peculiarità.

leggi tutto
La “natura delicata” di Enrico Reycend

Alla riscoperta dei pittori piemontesi dell’Ottocento, questa volta dedicando una mostra a un artista torinese, Enrico Reycend, troppo a lungo dimenticato dalla critica e dalla storia dell’arte novecentesche.

leggi tutto